Prestiti d’onore agli studenti universitari in Sardegna

Studenti 1 112

Con la delibera 39/17 del 28 Settembre 2006, la Regione Sardegna ha stanziato 2,5 milioni di euro destinati ai prestiti d’onore per gli studenti di tutti gli atenei insulari, che siano risultati particolarmente meritevoli.

Uffici della Regione SardegnaCome si legge nella delibera, l’obiettivo dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, Informazione, Beni Culturali, Spettacolo e Sport della Regione Sardegna, è quello di portare i livelli di istruzione superiore della popolazione sarda ai livelli medi europei: al momento attuale infatti, la Sardegma registra un numero molto basso di laureati e di studenti diplomati poi iscritti all’università rispetto alla media nazionale. Il prestito d’onore sarà concesso agli studenti a tasso d’interesse agevolato e le rate di restituzione dovranno essere pagate a partire dal secondo anno dalla fine del percorso di studi universitari.

I due milioni e mezzo di euro stanziati per il prestito d’onore agli studenti sarà ripartito nella misura del 65% all’ERSU di Cagliari e del 35% all’ERSU di Sassari, che provvederanno a raccogliere le richieste degli studenti, valutarne i requisiti ed erogare i prestiti.

Requisiti

  • Essere iscritti ad uno dei corsi di laurea triennale o corsi di laurea specialistica, presso qualsiasi ateneo della Regione Sardegna
  • Aver sostenuto tutti gli esami previsti dal proprio piano di studi nell’anno antecedente a quello della richiesta (tranne gli studenti iscritti al primo anno del corso di studi)
  • Risultare nelle liste degli idonei alla borsa di studio ma non beneficiari

Per informazioni, rivolgersi agli uffici ERSU di Cagliari o di Sassari.

Risorse

  • giuliana

    Buongiorno sono Giuliana Manis mi sono laureata a cagliari e vorrei chiedere informazioni sui prestiti per proseguire gli studi. è possibile chiedere il prestito anche per conseguire la magistrale fuori dalla Sardegna?
    grazie, coediali saluti

Trova contributi per Regione

Sardegna Lazio Sicilia Calabria Basilicata Puglia Campania Liguria Umbria Marche Abruzzo Toscana Emilia Romagna Veneto Molise Friuli Venezia Giulia Trentino - Alto Adige Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Sardegna